Salta al contenuto

 Comune

Dal 1° gennaio 2017, il Servizio di Polizia Locale è stato trasferito all'Unione Territoriale Intercomunale del Friuli Centrale (UTI).

In questa pagina si trovano le informazioni relative alla storia del Corpo di Polizia Locale di Udine, i consigli contro le truffe, l'educazione stradale realizzata nelle scuole del territorio cittadino e la mappa dei telelaser e telecamere.
Vai al sito dell'UTI  per le informazioni sugli orari e contatti e sulla normativa.

Il Corpo di Polizia Locale di Udine viene fondato il primo ottobre del 1866 con la denominazione di "Corpo di Guardie Municipali".

Una ricostruzione storica e dettagliata può essere ricavata dal saggio del prof. Manlio Michelutti intitolato: "Con la città da oltre un secolo - i Vigili Urbani di Udine".

I principali campi di intervento sul territorio sono:

  • la disciplina della circolazione stradale;
  • la prevenzione e repressione degli illeciti previsti dal Codice della Strada;
  • il rilievo di incidenti stradali;
  • la vigilanza sui regolamenti ed ordinanze del Comune;
  • la vigilanza in materia di polizia commerciale e annonaria, polizia amministrativa, polizia edilizia, polizia ambientale;
  • la vigilanza sul patrimonio comunale;
  • l'educazione stradale nelle scuole.

In materia di polizia giudiziaria, la Polizia Locale sovrintende ad attività finalizzate all'accertamento di reati, eseguendo atti d'indagine d'iniziativa o su delega dell'Autorità Giudiziaria. Presta anche soccorso nelle pubbliche calamità d'intesa con le autorità competenti e collabora con le altre forze di Polizia nel controllo del territorio.
La sede del Comando è in via Girardini n. 24.

La Questura di Udine in collaborazione con il Dipartimento delle Politiche Sociali, Educative, Culturali del Comune di Udine, all'interno del progetto No alla Solit'Udine ha redatto un vademecum, a tutela delle persone anziane:

Non aprire la porta di casa a sconosciuti anche se vestono un'uniforme o dichiarano di essere dipendenti di aziende di pubblica utilità.
Verificate con una telefonata da quale servizio sono stati mandati gli operai che bussano alla vostra porta e per quali motivi. Se non ricevete rassicurazioni non aprite per nessun motivo.
Ricordate che nessun ente manda personale a casa per il pagamento delle bollette, per rimborsi o per sostituire banconote false date erroneamente.
Non fermatevi mai per strada per dare ascolto a chi vi offre facili guadagni o a chi vi chiede di poter controllare i vostri soldi o il vostro libretto personale anche se chi vi ferma è una persona distinta e dai modi affabili.
Quando fate operazioni di prelievo o versamenti in banca o in un ufficio postale, possibilmente fatevi accompagnare soprattutto nei giorni in cui vengono pagate le pensioni o in quelle di scadenza generalizzate.
Se avete il dubbio di essere osservati fermatevi all' interno di una banca o dell'ufficio postale e parlatene con gli impiegati o con chi effettua il servizio di vigilanza. Se questo dubbio vi assale per strada, entrate in un negozio o cercate un poliziotto ovvero una compagnia sicura.
Durante il tragitto di andata e ritorno dalla banca o dall'ufficio postale, con i soldi in tasca, non fermatevi con sconosciuti e non fatevi distrarre.
Ricordatevi che nessun cassiere di banca o di ufficio postale vi insegue per strada per rilevare un errore nel conteggio del denaro che vi ha consegnato.
Quando utilizzate il bancomat usate prudenza: evitate di operare se vi sentite osservati.
Per qualunque problema e per chiarirvi qualsiasi dubbio non esitate a chiamare il 113.

La Polizia Locale organizza - su richiesta - corsi di educazione stradale rivolti agli alunni delle varie scuole del territorio comunale.

Le proposte educative sono indirizzate in particolare alle Scuole dell’Infanzia (gruppo dei Grandi), alle Scuole Primarie (classi 3^, 4^ e 5^) e alle Scuole Secondarie di Primo Grado (classi 1^, 2^ e 3^).

I corsi vengono svolti in orario scolastico, sono differenziati in base all'età dei partecipanti e si sviluppano attraverso unità didattiche sia teoriche, da tenersi in aula, che pratiche, da tenersi all'aperto.

La conoscenza delle Regole della Strada e l'educazione a muoversi nel rispetto delle stesse,è il messaggio fondamentale che la Polizia Locale cerca di trasmettere agli studenti delle scuole cittadine, utilizzando diversi metodi didattici.

Il gruppo di operatori di educazione stradale coinvolge i bambini e i ragazzi non solo a livello cognitivo, ma soprattutto a livello emotivo-affettivo, facendoli riflettere sulla propria percezione del rischio, quale corollario di un principio di educazione al valore della vita.

Le scuole interessate presentano domanda alla Polizia Locale, c.a. Ten. Debora Martone (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.), utilizzando il modulo di adesione e i referenti della scuola per l'educazione stradale verranno contattati per concordare le date ed orari degli incontri. Gli interventi verranno effettuati anche con l’ausilio di materiale didattico e giochi.

Allegati:

Mappa telelaser e telecamere di Udine

 

Storia e competenzeConsigli contro le truffeEducazione stradaleMappa telelaser e telecamere