Salta al contenuto

 Tariffe e Tributi

L'imposta municipale unica (IMU) o imposta municipale propria è un'imposta del sistema tributario italiano.  Si applica sulla componente immobiliare del patrimonio e accorpa l'imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF), le relative addizionali dovute in relazione ai redditi fondiari su beni non locati, l'imposta comunale sugli immobili (ICI).

Modelli da presentare entro e non oltre il 31.12.2014 all'ufficio protocollo del Comune di Udine al  fine di poter beneficiare delle aliquote agevolate per l'anno di imposta 2014.

Il Consiglio comunale ha approvato il 22 maggio 2014  le aliquote e le detrazioni dell'Imposta Municipale Propria - Anno di imposta 2014

Scarica la delibera di approvazione aliquote e detrazioni dell'Imposta Municipale Propria (IMU) 2014

Il pagamento dovrà essere effettuato esclusivamente utilizzando il modello F24 . L'importo minimo per il versamento al Comune di Udine è 12,00 euro riferito all'anno.
Il codice catastale per il Comune di Udine da utilizzare per la compilazione del modello F24 è: L483.

I codici per il pagamento sono :

3913 IMU-Imposta Municipale propria per fabbricati rurali ad uso strumentale diversi dal gruppo D
3914 IMU – Imposta Municipale propria per  i terreni – Comune
3916 IMU – Imposta Municipale propria per le aree fabbricabili – Comune
3918 IMU – Imposta Municipale propria per gli altri fabbricati –Comune
   
   Codici da utilizzare per gli immobili ad uso produttivo appartenenti al gruppo D
3925 IMU – Imposta Municipale propria per gli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D –Stato
 3930 IMU – Imposta Municipale propria per gli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D - Incremento Comunale
   
  Codici da utilizzare per l'abitazione principale SOLO per categorie A1 A8 e A9
3912 IMU- Imposta Municipale propria su abitazione principale - Comune

 I contribuenti devono versare l'imposta per il 2014: 

  • entro il 16 giugno - prima rata
  • entro il 16 dicembre - seconda rata a saldo 

N.B. i versamenti per ogni contitolare devono essere effettuati con distinti modelli F24 intestati al singolo contribuente.

Dove si paga?

Il versamento dell'imposta è effettuato esclusivamente mediante modello F24 disponibile presso qualsiasi Ufficio Postale o Sportello Bancario (l'utilizzo è completamente gratuito).
Tramite il proprio home banking.

E' possibile procedere  al pagamento anche mediante versamento su apposito bollettino di conto corrente postale disponibile presso tutti gli uffici postali.

Nel caso in cui sia stata versata in eccesso l’Imposta Municipale Propria rispetto a quanto effettivamente dovuto, è possibile richiedere il rimborso di quanto versato in eccesso utilizzando il modello previsto oppure inviando richiesta in carta semplice nella quale devono essere indicati i seguenti elementi:

  • Anno per il quale viene richiesto rimborso;
  • Generalità del richiedente (cognome, nome, data e luogo di nascita, residenza, codice fiscale, telefono, eventuale e-mail);
  • Imposta correttamente dovuta; Imposta erroneamente versata (allegare fotocopie versamenti eseguiti) e conteggi eseguiti;
  • Tipo di utilizzo degli immobili;
  • Differenza richiesta a rimborso;
  • Motivazioni alla base della richiesta di rimborso;
  • Coordinate bancarie della propria banca con i dati dell'intestatario del conto e la sede dell'agenzia di credito;


Termini di presentazione della domanda di rimborso

Ai sensi dell’articolo 1, comma 164, Legge n° 296/2006 il rimborso delle somme versate e non dovute deve essere richiesto dal contribuente entro il termine di cinque anni dal giorno del versamento.

Per quanto riguarda, invece, la richiesta di rimborso relativa alla quota d’imposta erroneamente versata allo Stato, dovra’ essere presentate al Comune che provvedera’ successivamente alla trasmissione dei dati al competente Ministero.

Scarica il modulo del rimborso

Il Ministero dell’economia e delle finanze ha approvato il modello di dichiarazione IMU e TASI per gli enti non commerciali e le istruzioni di compilazione, fissando al 30 settembre il termine ultimo entro cui dovrà essere presentata la dichiarazione relativa ai periodi d’imposta 2012 e 2013, in deroga rispetto al termine ordinario fissato del 30 giugno dell’anno successivo a quello in cui il possesso degli immobili ha avuto inizio o sono intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione dell’imposta.

La legge di stabilità per l’anno 2014 ha previsto (comma 719 dell’articolo 1) che, ai fini dell’IMU e della TASI, gli enti non commerciali presentano la dichiarazione esclusivamente in via telematica, secondo le modalità approvate con apposito decreto del Ministero dell’economia e delle finanze del 4 agosto 2014.

Il 23 settembre 2014 è stato firmato il decreto del Ministro dell’economia e delle finanze che differisce dal 30 settembre 2014 al 30 novembre 2014 il termine per la presentazione della dichiarazione "IMU TASI ENC" - relativa agli anni 2012 e 2013 - previsto dal comma 2 dell’articolo 5 del decreto 26 giugno 2014.

Scarica il modulo


Richiesta aliquote agevolateAliquote e detrazioni IMU 2014Scadenze e modalità di versamento/pagamentoRichiesta rimborso IMUDichiarazione enti non commerciali