Salta al contenuto

 Mobilità, Trasporti e Viabilità

Il Piano Urbano del Traffico è redatto ai sensi dell'articolo 36 del Codice della Strada e delle Direttive del Ministero dei Lavori Pubblici per la redazione, adozione ed attuazione dei piani urbani del traffico, del 24 giugno 1995; queste ultime forniscono le seguenti definizioni:

  • Il Piano urbano del traffico (PUT) è costituito da un insieme coordinato di interventi per il miglioramento delle condizioni della circolazione stradale nell'area urbana, dei pedoni, dei mezzi pubblici e dei veicoli privati, realizzabili e utilizzabili nel breve periodo e nell ipotesi di dotazioni di infrastrutture e mezzi di trasporto sostanzialmente invariate.
  • In particolare il PUT deve essere inteso come "piano di immediata realizzabilità ", con l'obiettivo di contenere le criticità  della circolazione (...)
  • La progettazione dell'organizzazione della circolazione stradale deve prevedere interventi su tutti i suoi settori, inclusa la gestione ottimale degli spazi stradali esistenti, pubblici o aperti all'uso pubblico (individuazione degli interventi di organizzazione delle sedi viarie, finalizzata al miglior uso possibile delle medesime per la circolazione stradale) (...)
  • Nel processo di pianificazione e governo del sistema dei trasporti a scala urbana, il PUT costituisce in definitiva lo strumento tecnico-amministrativo di breve periodo, che mediante successivi aggiornamenti (piano processo) rappresenta le fasi attuative di un disegno strategico di lungo periodo (...).


Le direttive ministeriali indicano altresì le seguenti finalità  fondamentali di un PUT:

  • il miglioramento delle condizioni di circolazione (movimento e sosta);
  • il miglioramento della sicurezza stradale (riduzione degli incidenti stradali);
  • la riduzione degli inquinamenti atmosferico ed acustico;
  • il risparmio energetico.

 



Tavole allegate

  • Tavola 1 - Rete stradale principale - soluzione di riferimento
  • Tavola 2 - Misure di regolamentazione di piano
  • Tavola 3 - Itinerari ciclabili di piano
  • Tavola 4 - Zone residenziali e nodi pedonali di progetto di livello interquarteriale
  • Tavola 5 - Linee di trasporto pubblico urbano e piano di disciplina della circolazione nelle situazioni di emergenza ambientale
  • Tavola 6 - Classificazione delle strade modificata con deliberazione giuntale n. 233 del 15 luglio 2014
    *Vista la notevole dimensione della tavola 6 si consiglia di salvare il file sul proprio pc (tasto destro del mouse - salva oggetto/destinazione con nome)