Salta al contenuto

 Edilizia e Territorio

Il Piano Paesaggistico Regionale e la partecipazione

Il Piano Paesaggistico Regionale (PPR) è un fondamentale strumento di pianificazione finalizzato alla salvaguardia e gestione del territorio nella sua globalità, con lo scopo di integrare la tutela e la valorizzazione del paesaggio nei processi di trasformazione territoriale, anche come leva significativa per la competitività dell’economia regionale.

Considerato che il paesaggio è insieme dato fisico (terra, acqua, vegetazione, edifici, ecc) e immagine (ciò che si vede e come lo si vede), esso attiene anche alla sfera della percezione umana e quindi alla sfera della soggettività.
Pertanto, nella costruzione del PPR, è imprescindibile un percorso che permetta di indagare come il paesaggio è percepito dalle popolazioni che lo vivono e che lo trasformano.

Il Comune di Udine, in convenzione con altri 12 comuni (Campoformido, Martignacco, Pagnacco, Pasian di Prato, Pavia di Udine, Povoletto, Pozzuolo del Friuli, Pradamano, Reana del Rojale, Remanzacco, Tavagnacco e Tricesimo) ha deciso di promuovere il coinvolgimento della popolazione nel processo partecipativo, che costituisce una tappa fondamentale nell’iter di formazione del Piano Paesaggistico Regionale.

Il Comune di Udine partecipa alla redazione del Piano Paesaggistico Regionale come capofila di un gruppo di tredici comuni convenzionati (Campoformido, Martignacco, Pagnacco, Pasian di Prato, Pavia di Udine, Povoletto, Pozzuolo del Friuli, Pradamano, Reana del Rojale, Remanzacco, Tavagnacco e Tricesimo).

Oltre allo scambio di materiali ed informazioni con la Regione, attraverso un processo partecipativo, ha promosso il coinvolgimento dei cittadini nella fase conoscitiva del Piano che progetterà, tra l'altro, i processi di trasformazione dell’intero paesaggio regionale, con la possibilità, quindi, di valorizzare al meglio i territori facenti parte dell’ambito.

Le attività di partecipazione sono state organizzate per subambiti:

  • Ambito Nord: Comuni di Pagnacco, Reana del Rojale, Tavagnacco e Tricesimo;
  • Ambito Est: Comuni di Pavia di Udine, Povoletto, Pradamano e Remanzacco;
  • Ambito Ovest: Comuni di Campoformido, Martignacco, Pasian di Prato e Pozzuolo del Friuli;
  • Ambito Udine: Comune di Udine

Quattro gli incontri di presentazione del percorso partecipativo nei Comuni aderenti alla convenzione.

Questi appuntamenti hanno avviato formalmente il processo partecipativo ed hanno offerto una prima informazione su modalità e tempistiche.

Il calendario degli incontri è stato il seguente:

Ambito Ovest
Mercoledì 17 febbraio 2016 - ore 18 – PASIAN DI PRATO

Ambito Nord
Lunedì 22 febbraio 2016 - ore 18 – FELETTO UMBERTO

Ambito Est
Martedì 23 febbraio 2016 - ore 18 – PRADAMANO

Ambito Udine
Lunedì 29 febbraio 2016 - ore 18.30 – UDINE

Durante gli incontri sono state raccolte le adesioni dei cittadini ai gruppo di lavoro e le eventuali segnalazioni degli argomenti da trattare.
Le attività di partecipazione previste sono state molteplici:

  • l’Archivio Partecipato online: un segnalatore predisposto dalla Regione dove era possibile individuare, su una mappa interattiva regionale, sia gli elementi di valore, non negoziabili e riconosciuti come parte dell’identità locale, sia gli elementi di criticità che invece hanno un impatto negativo sul paesaggio - il segnalatore on line dal 31 maggio 2016 non è più attivo per inserire indicazioni ma può essere consultato per visualizzare gli elementi raccolti;
  • le schede di segnalazione cartacee: nell’impossibilità di inserire le segnalazioni sull’Archivio Partecipato online sono state messe a disposizione, con gli stessi contenuti, le schede cartacee che potevano essere compilare e consegnate al Punto Paesaggio;
  • i tavoli di lavoro: su base volontaria i cittadini e gli interessati, coordinati da un facilitatore, hanno discusso delle emergenze e delle criticità del territorio ed hanno ipotizzato il paesaggio del futuro e le azioni per raggiungerlo;
  • il Punto Paesaggio: presente in ogni Comune, ha fornito assistenza nella compilazione dell’Archivio Partecipato ed ha raccolto copia di documenti, foto, cartoline, mappe consegnate dai cittadini e ritenute di interesse nell’individuazione degli elementi di valore del paesaggio;
  • i questionari alle scuole: ai ragazzi iscritti all’ultimo anno delle scuole primarie e secondarie inferiori del comune è stato inoltrato un questionario cartaceo, da compilare assieme alle famiglie, per segnalare elementi/aspetti di valore ed eventualmente elementi/aspetti di degrado del territorio in cui gli studenti vivono.


I materiali relativi a tutte le forme partecipative sopra citate sono stati consegnati a fine maggio all'Università degli Studi di Udine che è stata incaricata dalla Regione Friuli Venezia Giulia di elaborare i dati ricevuti.
Concluse le elaborazioni l'Università presenterà il lavoro di sintesi ai cittadini dei comuni convenzionati.

Il Punto Paesaggio, attivo in ognuno dei comuni convenzionati, è stato concepito come punto informativo aperto a tutti, presso il quale i cittadini hanno potuto:

  • ricevere informazioni sulle attività di partecipazione e sul Piano Paesaggistico Regionale
  • lasciare il materiale bibliografico, fotografico, cartografico… ritenuto rilevante per la raccolta di informazioni relative al loro ambito territoriale
  • trovare le schede da compilare per fare le segnalazioni relative agli elementi/aspetti di valore o di degrado del territorio
  • essere assistiti nell’inserimento degli elementi/aspetti di valore o di degrado del territorio sull’Archivio Partecipato online.


I materiali raccolti al Punto Paesaggio sono stati consegnati a fine maggio all'Università degli Studi di Udine che è stata incaricata dalla Regione Friuli Venezia Giulia di elaborare i dati ricevuti.
Concluse le elaborazioni l'Università presenterà il lavoro di sintesi ai cittadini dei comuni convenzionati.

I tavoli di lavoro sono stati degli importanti momenti di confronto nei quali cittadini, rappresentanti delle associazioni, esperti e portatori di interesse hanno discusso degli aspetti più rilevanti del territorio, degli elementi di interesse da mantenere o recuperare e delle attività di tutela degli stessi.

Dal 22 al 31 marzo si sono svolti i primi tavoli di lavoro che hanno fatto emergere gli elementi di valore e di criticità del territorio dell'ambito udinese.

Nei secondi tavoli, dal 5 al 21 aprile, i partecipanti hanno discusso delle loro aspettative sul futuro del paesaggio ed hanno prosto delle azioni concrete per raggiungere lo scenario immaginato.
 
A conclusione dei tavoli dei sub ambiti si è svolto un ulteriore incontro, un tavolo congiunto finale, tenutosi a Udine, giovedì 28 aprile alle ore 17.30, dove tutti gli attori che hanno presenziato ai tavoli di lavoro (dell'ambito est, dell'ambito nord, dell'ambito ovest e di Udine) si sono confrontati sia per condividere i risultati e i temi emersi, che per proporre e suggerire ulteriori integrazioni.
 
Per ognuno degli incontri è stata predisposta una sintesi consultabile nella sezione "Materiali".
 
I materiali relativi ai tavoli di lavoro sono stati consegnati a fine maggio all'Università degli Studi di Udine che è stata incaricata dalla Regione Friuli Venezia Giulia di elaborare i dati ricevuti.
Concluse le elaborazioni l'Università presenterà il lavoro di sintesi ai cittadini dei comuni convenzionati.


Di seguito riportiamo i materiali relativi sia ai tavoli di lavoro dei sub ambiti, sia al tavolo congiunto finale che si è svolto a Udine il 28 aprile 2016.

Tavolo Congiunto finale
Introduzione - Breve sintesi delle attività di partecipazione
Il primo tavolo di lavoro - Riepilogo degli elementi di valore e delle criticità emerse
Il secondo tavolo di lavoro - Schematizzazione dei contenuti emersi nei diversi scenari ed ipotesi di uno scenario comune
La riunione plenaria - Sunto delle attività dell'incontro conclusivo ed individuazione delle azioni prioritarie per raggiungere lo scenario immaginato

Ambito Nord (Pagnacco - Reana del Rojale - Tavagnacco - Tricesimo)
Report del primo tavolo di lavoro, Carta tematica, Report del secondo tavolo di lavoro

Ambito Ovest (Campoformido - Martignacco - Pasian di Prato - Pozzuolo del Friuli)
Report del primo tavolo di lavoro, Carta tematica, Report del secondo tavolo di lavoro

Ambito Est (Pavia di Udine - Pradamano)
Report del primo tavolo di lavoro, Carta tematica, Report del secondo tavolo di lavoro

Ambito Est (Povoletto - Remanzacco)
Report del primo tavolo di lavoro, Carta tematica, Report del secondo tavolo di lavoro

Ambito Udine
Report del primo tavolo di lavoro (primo e secondo incontro), Carta tematica, Report del secondo tavolo di lavoro (terzo incontro)

Tavolo di lavoro Compendio CORMOR – FIERA – PARCO BOTANICO​
Report e carta tematica


I materiali sopra riportati sono stati consegnati a fine maggio all'Università degli Studi di Udine che è stata incaricata dalla Regione Friuli Venezia Giulia di elaborare i dati ricevuti.
Concluse le elaborazioni l'Università presenterà il lavoro di sintesi ai cittadini dei comuni convenzionati

Lo sviluppo dei contenuti emersi dai tavoli di lavoro e le indicazioni di elementi di progettualità emersi dalla consultazione delle amministrazioni, hanno trovato forma all'interno di un quaderno e una mappa strategica, che rappresentano un'opportunità nell'ambito di una visione di insieme a carattere sovracomunale per l'attivazione di progetti per la gestione e la valorizzazione del paesaggio.

In tale prospettiva, i contenuti della mappa sono stati pensati come forma di dialogo sperimentale con il PPR, ed al contempo, come strumento flessibile adattabile e aggiornabile, per ciascuna Amministrazione comunale coinvolta, che intende dare forma alle azioni richieste e pensate dai cittadini che fruiscono del paesaggio con modalità diverse (percorsi ciclabili, patrimonio architettonico, aree a valenza ambientale...).

Mappa strategica

Quaderno della mappa strategica

PPRLa convenzionePresentazioni pubblicheLe attività partecipativeIl Punto PaesaggioTavoli di lavoroMaterialiMappa strategica NEW


> Visita la pagina facebook dedicata

> Consulta la Presentazione di apertura del processo partecipativo

 > Consulta le segnalazioni
> Approfondisci il tema del PPR sulle pagine dedicate del sito della Regione FVG

Contatti:
Per informazioni e chiarimenti
> telefona ai numeri 0432 127 3812 o 0432 127 2473
> manda una mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.