Salta al contenuto

 Edilizia e Territorio

Nel 1992, al termine della conferenza dell'ONU su Ambiente e Sviluppo è stato approvato a livello internazionale un programma d'azione che intende promuovere lo sviluppo sostenibile nel XXI secolo, con precisi obiettivi, azioni da realizzare e mezzi per attuarle, denominato "Agenda 21". Nella consapevolezza che molti problemi globali hanno origini dalle attività  locali, l'Agenda 21 evidenzia il ruolo svolto dai governi locali (capitolo 28): le città  vengono qui indicate come il punto di riferimento per promuovere l'impegno verso la sostenibilità .
Si tratta di un cambio di paradigma nel quale il cittadino è posto al centro delle decisioni e si impegna in prima persona, in collaborazione con l'Amministrazione. Non per scaricare le responsabilità  ma per condividerle: una partecipazione attiva e responsabile, un nuovo approccio per un futuro di scelte fondate su obiettivi comuni.

Le fasi del processo
Il processo di Agenda 21 interessa tutti i settori dell'Amministrazione locale e tutti i portatori di interesse del territorio, allo scopo di integrare la sostenibilità  (ambientale, sociale, economica) nelle politiche di sviluppo.
Operativamente l'Agenda 21 è scandita da alcune fasi, definite dal Consiglio Internazionale per le iniziative Ambientali Locali (ICLEI):
si parte dalla sottoscrizione della carta di Aalborg, per poi individuare attraverso un percorso partecipativo i problemi principali a livello locale, definire gli obiettivi e stabilire le azioni prioritarie.
Questo avviene grazie a un processo partecipato rivolto a cittadini, realtà  locali sociali, economiche, istituzionali, culturali, associative, ed in generale a tutti i soggetti interessati a contribuire con idee, proposte, impegni.

La partecipazione pone infatti le basi per azioni congiunte, che vedono l'unione di tutte le forze locali verso obiettivi comuni, condivisi e sostenibili: in sintesi, la città  si unisce e punta al miglioramento della qualità  della vita, per tutti.
Nascono così i vari documenti di riferimento, che individuano criticità  e opportunità  (Relazione sullo Stato dell'Ambiente), stabiliscono gli obiettivi da raggiungere (Piano di Azione Locale) e suggeriscono le azioni da attuare (Piano Operativo).
Sulla base di questi documenti l'Amministrazione attua progetti mirati e monitora la loro coerenza con i principi di sostenibilità , con il costante coinvolgimento dei portatori di interesse, cittadini in primis.
 


Agenda 21 a Udine



Il progetto di Agenda 21 del Comune di Udine nasce nel 1999, con l'adesione dell'Amministrazione al protocollo internazionale.
Con questo strumento si intende favorire la partecipazione dei cittadini e dei portatori di interesse nei i processi decisionali: le scelte diventano quindi condivise e trasparenti, con risposte concrete e sostenibili da un punto di vista sociale, ambientale e economico.
Nel corso degli anni l'Agenda 21 udinese ha dato avvio a diversi progetti, integrando progressivamente varie discipline.
Alcuni esempi dei progetti realizzati:

  • Documenti di riferimento dell'Agenda 21 per l'analisi e la programmazione: Relazione sullo Stato dell'Ambiente, Piano di Azione Locale, Piano Operativo;
  • Progetti integrati a scala sovracomunale: "I P.I.L.A.S.T.R.I. della sostenibilità ", "SOVRAGENDA", "SUUperAgenda"
  • Orti urbani udinesi, il progetto "L'Orto e la Luna"
  • Agenda 21 e la scuola: moduli didattici
  • Fase partecipata per il nuovo Piano Regolatore Generale Comunale: "Costruiamo il piano"

Se hai delle idee, proposte, suggerimenti, se vuoi dare il tuo contributo per rendere Udine una città  sempre migliore, esplora il sito per conoscere queste ed altre attività, o contatta l'Ufficio Agenda 21 per un appuntamento.
E' inoltre possibile iscriversi alla mailing list dell'ufficio per essere informati su tutte le attività  presenti e future (forum, incontri, progetti, bandi, mostre, eventi): basta inviare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. con oggetto "ISCRIVI".

 

Info:
U.O. Rigenerazione Urbana e Agenda 21 del Comune